Facce da San Vito #1

Iniziamo questa nuova scoppiettante rubrica con una foto d’autore, cercheremo di mostrarvi i lati migliori del CSI San Vito partendo da Richi ma solo perché… Basta uno sguardo e capirete:

IMG_3494.PNG

Si narra di gran partita ieri sera per il metronomo con anima difensiva, impreziosita da punizione a regola d’arte volutamente spedita in barriera per sponda con girata aerea verso il parziale 1-0!

Chi proprio non ha voglia di allenarsi

C’è chi proprio non ha voglia di mettere gli scarpini ai piedi. Un esempio? In questa categoria si mette sempre più in evidenza il nostro stanco ultimo e la sua voglia di mangiare prima del tempo la meritata cena serale.

Che dirgli? Buon appetito e fai finta di guarire in fretta dai tuoi 7/8 acciacchi!!
br />
IMG_3438.JPG

6 Punti per un pareggio

Sottotitolo: Punti persi… Punti guadagnati (cit. Mister)

Caro lettore, già mi rivolgo a te che non hai altro da fare che leggere queste righe mal composte nelle notti bedizzolesi. Vorrei porre la tua attenzione, prima che sulle eroiche gesta calcistiche, su due questioni, per me basilari:

  1. la matematica;
  2. la tecnologia.

La Matematica vuole la sua parte e il titolo già richiama il tema da trattare. 6 punti valgono un pareggio o un pareggio regala 6 punti? lo scoprirai strada facendo!

La Tecnologia, è quella che sappiamo padroneggiare a San Vito se il sottoscritto chiede un resoconto della partita e:

  1. Nicola lo scrive su un pezzo di carta;
  2. Me lo invia tramite smatphone;
  3. devo decifrarlo copiarlo e correggerlo;
  4. creare un articolo indecente ma avvincente!
  5. scusarmi per l’uscita posticipata del presente post-postpartita!

La mia relazione della partita (non avendo partecipato alla partita) è più o meno la seguente:

  • patatina6puntiNoi facciamo schifo, per tutto il primo tempo;
  • meglio nel secondo e ci bombiamo di the nell’intervallo;
  • Inizia la rimonta, poi qualcuno finisce la raccolta personale di figurine gialle e arriva il premio figurina rossa;
  • Patatina viene steso da una ginocchiata (purtroppo non è bastato per garantirgli la plastica facciale che sperava tanto per poter assomigliare al suo grande idolo calcistico Alvaro Recoba
  • Pari e patta, ma per il pronto soccorso non è ancora l’ora prima bisogna mangiare!

Ecco quello che è arrivato tramite Nicola (con i dovuti commenti del sottoscritto):

  • patatina6punti219:00 Paolo da forfait, “siamo senza ultimi“! (ndr doverosa una precisazione: sms di Nicola  di 5 gg prima “Non posso metterti in distinta… devi fare la visita”)
  • 19:55 Formazione sfornata ma… il CAP è out, fuori tempo massimo, quindi niente da fare, secondo giro per lui ma (strano a dirsi) la fascia non si trova, non si vuol trovare o (mossa dallo spirito del suo possessore) non si lascia trovare! magie del CSI San Vito
  • Richi si immola per la causa e decide che, tra una panchina bagnata e la figura di ultimo, è meglio la seconda soluzione se non altro perché così potrà zompettare allegramente per il campo rifilando vecchie agli ignari avversari;
  • Nicola sostiene che che non siamo fessi e regaliamo un solo tempo agli avversari… non male! 0-2 al break!
  • troppo lunga la spiegazione di Nicola che riporto in toto:
  • Foto 18-11-14 22 23 47Foto 18-11-14 22 23 45

Che altro aggiungere? direi nulla dato che è tutto scritto nelle pagine del mister! 😀

ragazzi ci si vede domani all’allenamento e poi venerdì alla partita!!!

 

PS Grazie Ivan, rimarrai sempre nei nostri occhi per quel simpatico centrocampista offensivo di fascia a rientrare forse in difesa che ti ricordiamo, sappi che il calcio esige il suo pegno ma non temere, pareggeremo per te! 😀

 

Articolo in arrivo

L’attesissimo articolo “6 punti per un pareggio” è in fase di stesura, nel frattempo cominciate a mettere il LIKE sulla pagina facebook del CSI San Vito 1994 non fate i tegna!

Entro domani spero di chiudere l’articolo, ci terrei a precisare che le bozza mi sono state mandate da Nicola con foto alla lettere scritte a mano… 😉

a domani!

Un allenamento umido

Dato che Sonny si lamenta sempre dello scarso valore tecnico del fotografo ufficiale della redazione del blog della più inguardabile squadra degli ultimi 20anni del CSI… allora ecco una foto rubata all’allenamento di ieri sera, in condizioni decisamente difficili.

Allenamento CSI SAN Vito Bedizzole

Inoltre non posso che riprendere due scatti che ci sono costati carissimi e una querela per “oltraggio alla pubblica decenza” ovviamente non possiamo che arrogarci il diritto di farne dei poster per la prossima campagna “Noleggia un best player per il tuo calendario sexy“:


IMG_2881 IMG_2880

La rientrata del CAP

Non mi prenderò meriti. Il titolo dell’articolo è tratto da una famosa frase dell’antico monaco Pontenovese Gasperus da Bedizzolis che nel lontano MMXIV d.C. (nei minuti finali della partita) intendeva sottolineare contemporaneamente sia il rientro in campo dell’indiscusso capitano morale del San Vito 1994* sia il suo imminente GOL con effetto a rientrare. Insomma una prestazione d’altri tempi nonostante le rovesciate invocate dal pubblico non pagante che non sono arrivate.

Bando alle ciance e andiamo alla sintesi della partita: CHE C**O 😀

Difficilmente si può sintetizzare meglio un’opaca prestazione dei numerosi giocatori in trasferta da San Vito al sacro campo dell’Oratorio di Bedizzole. Il primo tempo si trascina tra occasioni nitide ma non sfruttate dalla giovane compagine biancorossa e lanci mal calibrati da parte dei sette di San Vito che non trovano la quadra (a dire il vero sembra che non trovino neppure la squadra ma è un altro discorso)

Il secondo tempo migliora molto se non altro perché la visuale cambia per noi amanti del freddo ferro della panchina ma purtroppo o scarno vantaggio maturato nella prima frazione di giocosi ribalta a favore dei padroni di casa.

Ma cerchiamo di mettere ordine, se la partita fosse stata una sitcom sarebbe stata più o meno così:

  • Loro (le squadre) si vedono, si studiano, si stuzzicano
  • i padroni fanno gli onori di casa, mostrano la via del gol ma non infieriscono
  • gli ospiti fanno i raffinati e non segnano
  • ad un certo punto il barbuto amante dei crauti sulla fascia di sinistra decide che è il momento del colpo di scena e insacca da fuori.
  • È il gelo, nessuno si aspettava che il pareggio cambiasse nei primi 167 minuti di gioco.
  • Reazione scomposta dell’amante tradita che afferra la palla e cerca violentemente una reazione
  • Il portinaio sanVitese (grande Alberto) si oppone e indica il divieto di accesso, per ora non si passa
  • Fase molto confusa dalla trama inenarrabilmente complessa
  • fine primo tempo, the caldo per tutti (non è vero) e pop corn per il pubblico di abbonati fedelissimi.
  • Che il secondo tempo abbia inizio!
  • Quelli del sud (sempre gli ospiti) desiderano dare una mano ai gentili padroni di casa e confezionano un altro paio di iniziative atte a farsi del male,
  • Finalmente riusciamo a farci trafiggere in porta. In questo caso la fiaba diventa una tragedia greca di quelle in cui il fratello vuole aiutare il cugino ma lui poi lo frega. 😀
  • Tutto qui? macché!
  • Ripartenze brucianti a parte il San Vito non ha fatto 5 Km per niente e cerca e trova il nuovo vantaggio grazie al collaudatissimo schema “PassAlCapPoiCiPensaLui” in particolare questa era la versione per amanti del brivido “Non tiro subito ma aspetto che il portiere decida, che il difensore si pieghi e che saturno sia in opposizione di Marte“: 2-1 e catenaccio!
  • in questo momento arriva non il colpo di scena ma il ribaltamento dei ruoli i buoni diventano cattivi e viceversa. Tutto per lo spettacolo ovviamente!
  • Evitiamo di raccontare i due gol che seguono anche perché non si vedevano bene dalla “zona riscaldamento reclute” in cui eravamo stati spediti da Nico;
  • Ovviamente, il finale è maestoso e con rientro del CAP che segna il definitivo 3-3

OKAY lo so non si è capito nulla, ma sfido uno chiunque dei 7 in capo a raccontarmi meglio la partita senza perdersi in frasi di rito come “moviola in campo” o “la palla gira“.

Ringraziamo tutti per il bello spettacolo di sport offerto (anche se sicuramente non si trattava di calcio… forse pallamano) e ci vediamo Mercoledì per la prossima elettrizzante sfida casalinga in cui si scoprirà, finalmente, chi può ambire al trono di dominatore del campionato (okay la smetto con le serie TV).

*Sandro per questa affermazione avevamo pattuito i soliti 50€ grazie, solito conto

È ufficiale…

Io e Diego mai più in gruppo di esercizi insieme, per svariati motivi:

  1. È evidente che c’è troppa classe in gioco;
  2. Ci mettiamo troppa testa;
  3. Sappiamo sempre intuire le mosse avversarie…

no comment

Nicola in trasferta studio

Arrivano immagini rubate dai media della nostra sede di Torino che mostrano il mister attento a capire le intricate trame di gioco della Juve.

Un pensiero:

Non abbiamo MAI capito uno schema, neppure il primo, quello più semplice. Rinuncia e comincia anche tu a predicare la legge del “basta che entri:)

 

Ci vediamo giovedì per l’attesissimo match in Oratorio a Bedizzole!!!

1 2 3 17